Il tuo browser non autorizza i cookies di terza parte. Per poter procedere con l'acquisto è necessario installare i cookies. Clicca sul bottone di seguito per aprire il sito in una nuova finestra.


Apri lo shop in una nuova finestra

Il pomo della discordia

“Doveva essere un giorno felice, si celebravano le nozze della dea del mare con un uomo bellissimo, e tutti gli dei erano venuti a festeggiare gli sposi, portando loro dei doni!...
La sala del banchetto splendeva di mille luci e sulla tavola brillavano caraffe e coppe preziose, colme di nettare ed ambrosia, e tutti gli invitati erano felici e contenti… solo Eris, dea della discordia, non era stata invitata, ma nel bel mezzo del banchetto, arrivò, lanciò una mela d’oro sul tavolo imbandito e scappò via, creando dissapori e contrasti tra i tutti i presenti.”
Tutto ciò, in breve, appartiene alla classica mitologia greca, ma proviamo a trasferirla ai giorni d’oggi, in una normale famiglia benestante, dove l’atmosfera e l’euforia di una festa di compleanno organizzata a sorpresa per Achille, primogenito dei coniugi Tramontano, potrebbe essere turbata non da una mela, non da un frutto, bensì da un pomo, un pomo d’Adamo, o meglio, il pomo di Achille, il festeggiato, ritenuto un po’ troppo sporgente…
E se aggiungiamo che Achille, vivendo un rapporto molto difficile con suo padre Nicola, è continuamente difeso a spada tratta da sua madre, la epica Angela, non essendosi ancora dichiarato gay, e non avendo mai presentato Cristian, il proprio fidanzato, che da anni bazzica in casa spacciandosi per il compagno di sua sorella Francesca… se aggiungiamo poi che alla festa sarà presente anche Sara, prima ed unica fiamma al femminile della sua tormentata adolescenza, Manuel estroso trasformista, Marianna garbata psicologa di famiglia, ed Oscar un bizzarro vicino di casa che non ha mai tenuto nascoste le proprie simpatie nei confronti di Achille… beh, allora possiamo realmente comprendere come a volte la realtà, possa di gran lunga superare le fantasie, anche quelle più remote della antica mitologia... Omero mi perdoni!

Carlo Buccirosso

Le date
16 dicembre Varese, Teatro Openjobmetis
dal 16 gennaio al 4 febbraio Roma, Teatro Sala Umberto

Il pomo della discordia
sab, 16/12/17, 21.00 Ora
Teatro Openjobmetis - Teatro Mario Apollonio di Varese
P.zza della Repubblica, 21100 VARESE


Torna all’elenco delle date


Acquista tramite "Miglior Posto"

Tu scegli il prezzo, noi i migliori posti al momento disponibili

Acquista tramite "Scelta in Pianta" Scegli tu sulla pianta i migliori posti disponibili

Cat.  Descrizione  Prezzo*  Numero 
1 Platea Intero € 33,50
2 Prima Galleria Intero € 29,50
3 Seconda Galleria Intero € 25,50

* Il prezzo, ove riferito a Titoli di Ingresso, s’intende inclusivo del diritto di prevendita fissato dall’Organizzatore.
Per conoscere la composizione del prezzo del tuo biglietto,clicca qui.
Il prezzo in ogni caso non include le commissioni e le spese relative al servizio di vendita online (anche tramite Call Center) prestato da TicketOne. Maggiori informazioni


Avvertenza: TicketOne non è l’organizzatore dell’evento ma si occupa della distribuzione dei biglietti per conto dell’organizzatore. Conseguentemente, sia la tipologia di posti messi in vendita di tempo in tempo per il tramite di TicketOne, sia le procedure e l’entità del rimborso dei titoli d’ingresso in caso di annullamento dell’evento, dipendono esclusivamente da scelte dell’organizzatore, senza alcun intervento e responsabilità di TicketOne.

In caso di annullamento dell’evento, il mancato rispetto delle procedure che saranno indicate dall’organizzatore per il rimborso dei titoli d’ingresso può determinare decadenza dal diritto di ottenere tale rimborso. E’ facoltà dell’Organizzatore di non procedere al rimborso della componente del prezzo del titolo d’ingresso rappresentata dal diritto di prevendita. In nessun caso saranno rimborsabili le commissioni di servizio applicate da TicketOne.

Prima di procedere all’acquisto prendere visione dei termini e delle condizioni d’acquisto accessibili dal presente sito cliccando qui.

Organizzatore: Teatro Stabile d'Insubria-Ass.Cult.